Venerdi del libro: Due figlie e altri animali feroci

DUE-FIGLIE-ALTRI-animali

Quanto ridere! Ma non solo“.
Sono queste le prime parole che mi vengono in mente ripensando al libro: “Due figlie e altri animali feroci“, di Leo Ortolani.
E’ la storia di un’adozione internazionale, raccontata come diario da Leo Ortolani, che molti conoscono come l’autore di Ratman, celebre fumetto umoristico. Il libro in realtà raccoglie le mail collettive che quotidianamente l’autore scriveva a parenti ed amici durante il periodo in cui lui e sua moglie erano in Colombia per conoscere le due bambine che stavano per adottare.

Uno spassosissimo diario, in cui Leo racconta, tra grandi risate e riflessioni serie sul senso dell’adozione, sulle difficoltà insite nel capire una nuova cultura e due bambine che oltre a essere orfane provengono da un universo totalmente antitetico a quello dei nuovi genitori.
Nella prima parte invece Leo si sofferma sulle difficoltà burocratiche dell’adozione, durate molti anni, leggendo la cosa dal suo punto di vista:

“Siamo arrivati alla Colombia attraverso questo ente che chiameremo per comodità “amici del Perù”, e che abbiamo scelto perché si sono dimostrati disponibili… A dire il vero in alcune occasioni anche gli amici del Perù ci hanno fatto un po’ girare le balle, ma quando orami stavamo per gettare la spugna, che la Cate aveva anche smesso di fumare da una anno ed era come vivere con una tigre a cui hanno rigato la macchina nuova, quando la neve aveva iniziato a scendere copiosa sulla nostra genitorialità, gli amici del Perù ci hanno telefonato, che dovevano incontrarci! Che c’erano delle novità.

E quindi Leo e Cate partono per il Perù… cioè la Colombia… dove incontreranno Lucy e Johanna.

“Con un clima da sauna svedese dobbiamo gestire 16 e 18 chili in continuo movimento: e sù e giù, e rincorrile, e prendile, e coccolale, e pregale, e distraile, e mangiale, e puliscile, e calmale, e ninnale, e riprendile, e controllale, e sgridale, e caccale, e pisciale, e puliscile, e coccolale, e dagli il didò, e ripuliscile, e comprale il bavaglione, il costumino, la collanina… a momenti la Cate mi sviene alla cassa dell’ipermercato, ma è della vergine, e quando si accorge che la guardano si fa aria con le perle e rassicura il pubblico: “non è niente, non è niente cari! Un cordiale sorseggiato sotto le fronde del mio bersò, e starò subito meglio!”

Insomma, una storia vera, raccontata con molto umorismo, divertente e seria allo stesso tempo.

Due figlie e altri animali feroci
Diario di un’adozione internazionale
Leo ortolani
Sperling e kupfer

Questo post partecipa al Venerdì del Libro di Homemademamma.

Annunci

4 pensieri su “Venerdi del libro: Due figlie e altri animali feroci

  1. Mi rendo conto che leggendo le recensioni del Vdl commento sempre con le stesse parole ma non è colpa mia se si parla quasi sempre di bei libri! Anche questo mi ispira un sacco. Grazie!

  2. Pingback: Collana misteri con i baffi Il Battello a vapore | Homemademamma

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...